Le transenne comunali sul sentiero della Sella del Diavolo (Cagliari) sono illegittime.

le rovine della Torre costiera del Poetto

La Capitaneria di Porto di Cagliari, in risposta alla richiesta (12 agosto 2012) delle associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra, ha confermato (nota n. 12.02.02/736/45174 del 23 agosto 2012) di non aver mai richiesto al Comune di Cagliari la chiusura del sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo per eventuali pericoli di frane: “preme evidenziare che con l’Ordinanza n. 47 del 30.07.1987 … è stato interdetto il transito e la sosta lungo la fascia litoranea del demanio marittimo, incluso lo specchio acqueo compreso entro i 50 metri dalla linea … compresa tra la Grotta dei Colombi e la Torre del Poetto … con Ordinanza n. 48 del 4.08.1987, la Capitaneria di Porto aveva ampliato l’interdizione … fino alla Torre del Prezzemolo e nel contempo aveva vietato l’accesso nelle aree demaniali marittime suddette anche attraverso i sentieri non ricadenti in ambito demaniale marittimo”.

Al Comune di Cagliari la Capitaneria di Porto ha ricordato che “il richiamo delle Ordinanze dell’Autorità Marittima è sostenibile e praticabile solo per i compendi del promontorio aventi natura demaniale marittima e “non ha mancato di fornire la più ampia disponibilità a partecipare ad un incontro che, previa puntuale disamina delle problematiche di sicurezza, consenta una razionalizzazione dei provvedimenti interdittivi”.

In parole povere, non sussiste alcun pericolo di frane che abbia legittimamente determinato l’apposizione di cartelli e transenne per la chiusura del frequentatissimo sentiero da parte del Servizio protezione civiledel Comune di Cagliari.

Ricordiamo quanto avvenuto.

Sella del Diavolo, cartelli “pericolo frane” e divieto di accesso

Dall’inizio di agosto 2012 alcune transenne poste dal Servizio protezione civiledel Comune di Cagliari sbarrano l’accesso al sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo. Campeggiano minacciosi cartelli indicanti “caduta massi”.

I cartelli fanno riferimento all’ ordinanza della Capitaneria di Porto di Cagliari n. 47 del 30 luglio 1987, integrata dalla successiva n. 48 del 4 agosto 1987, che inibiscono l’accesso al litorale posto alla base della Sella del Diavolo a causa di frane che – allora – provocarono la morte di un pescatore dilettante e successivi lavori di consolidamento.

Celermente, con soli 25 anni di distanza, il Servizio protezione civile del Comune di Cagliari pare ne abbia preso atto e abbia risolutamente provveduto di conseguenza. Un probabile colpo di sole comunale, anche a giudicare dalla risposta della Capitaneria di Porto.

pannello del sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo

Il sentiero naturalistico e archeologico della Sella del Diavolo non conduce minimamente al litorale interdetto, è operativo da oltre dieci anni, promosso delle associazioni ecologiste Amici della TerraGruppo d’Intervento Giuridico.

E’ uno dei pochi “gioielli” naturalistici e culturali di Cagliari ad esser fruibile tutto l’anno.  Sono ormai oltre 8 mila gli escursionisti accompagnati dalle guide ecologiste ad aver conosciuto questo splendido gioiello ambientale e culturale del Mediterraneo.

Il sentiero è stato predisposto a proprie spese dalle associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico grazie alla collaborazione del Comando Militare autonomo della Sardegna e del Comando Militare Marittimo autonomo in Sardegna, titolari dell’area.

Non solo.  Spesso e volentieri è stato inserito in manifestazioni pubbliche nazionali e internazionali, quali la Settimana della Cultura e le Giornate europee del Patrimonio, con la partecipazione di rappresentanti dell’Amministrazione comunale cagliaritana, nonché decine e decine di escursioni guidate per scuole e studenti di ogni ordine e grado, sempre con grande successo di pubblico e mai con il benché minimo incidente.

Settimana della Cultura, un gruppo di escursionisti ascolta la guida

Conseguentemente, le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico eAmici della Terra avevano, quindi, inoltrato (12 agosto 2012) una puntuale richiesta di informazioni a carattere ambientale e adozione degli opportuni interventi al Comune di Cagliari (Sindaco, Direttore generale, Dirigente del Servizio protezione civile) e allaCapitaneria di Porto per revocare atti e comportamenti che appaiono quantomeno eccessivi e poco meditati.

Dalla Capitaneria di Porto è giunta la risposta, inequivocabile. IlComune di Cagliari che cosa aspetta?   Una nuovaistanza (5 settembre 2012) viene inoltrata dalle associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra per larimozione immediata di cartelli e transenne illegittimi.

Gruppo d’Intervento Giuridico eAmici della Terra

Annunci

3 thoughts on “Le transenne comunali sul sentiero della Sella del Diavolo (Cagliari) sono illegittime.

  1. Il comune ha commesso un vero e proprio abuso legato ad una scarsa conoscenza del territorio e ad una lettura superficiale delle ordinanze. Infatti le due ordinanze sono molto chiare, non solo non possono essere applicate al sentiero naturalistico essendo l’area interdetta di bassa costa ma non vieta nemmeno il transito nei sentieri se non nel cado fossero usati per arrivare nelle aree interdette. Chi ha predisposto la cartellonistica mostra scarsa conoscenza del codice della strada sono mistificatori della realtà e deturpano il paesaggio.
    Mi auguro che intervenga la
    Procura della repubblica per fare luce sulla vicenda che mi sembra un po’ torbida

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...