“Che cosa sono queste piste?”

DSC_0689

Ci chiedono parecchi cagliaritani interessati alla Sella del Diavolo e rispondiamo, per quanto ne sappiamo. Sono comparsi da qualche giorno alcuni cartelli con l’indicazione – invero improbabile – si varie “piste”. Non si tratta di piste di go-kart o piste di formula 1, ma un prodotto del Comune di Cagliari.  Non sappiamo chi ha predisposto cartelli e diciture che nessun escursionista principiante avrebbe mai scritto. Non c’entriamo nulla, così come non abbiamo nulla a che fare con l’indicazione di sentieri con passaggi a rischio o, addirittura, a strapiombo su Cala Fighera, che sconsigliamo vivamente ai tantissimi non particolarmente esperti.  Il 4 aprile 2006 il Sindaco di Cagliari Emilio Floris, le Autorità militari, i Dipartimenti universitari di botanica di Cagliari, Novara e Roma sottoscrivevano un accordo per svolgere itinerari turistici e ricerche scientifiche a Cala Mosca, sulla Sella del Diavolo, a Capo S. Elia. Il Comune, per l’attuazione del progetto, avrebbe investito 516 mila euro (fondi legge regionale n. 37/1998, art. 19) e ne dovrebbe investire altri due milioni.   Secondo quanto pubblicizzato dai mezzi di informazione, attualmente sarebbero già state effettuate bonifiche ambientali, sistemati cinque sentieri naturalistici, formate sei guide (con un corso universitario di 100 ore) già riunite in cooperativa per escursioni a pagamento e pubblicato l’immancabile libro (curato dal botanico Mauro Ballero e dal dirigente comunale Gerolamo Solina, “La Sella del Diavolo, un paradiso sul Golfo degli Angeli”).  Seguiranno punti informativi, depliants, ecc.    Siamo naturalmente ben contenti che anche l’Amministrazione comunale cagliaritana abbia scoperto in positivo la Sella del Diavolo (anche perché così difficilmente partorirà nuovamente idee assurde come la progettata funivia!), tuttavia vorremmo ricordare che, comunque, da anni la Sella del Diavolo è già perfettamente fruibile, senza aver speso milioni di euro di soldi pubblici…..

Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico

 

Annunci

One thought on ““Che cosa sono queste piste?”

  1. è stata una bella scampagnata, una bell’avventura anche se un po’ rischiosa sia nel scendere che nella risalita. Per chi soffre di vertigini, l’importante è non guardar in basso, per non rischiare di metter male un piede e lasciarci le penne.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...